2018 Artisti per Vico

Artisti per Vico 2018



Belma Alić

Graduated in 2004 at the Music Academy in Sarajevo (class of prof. Yevgeny Xaviereff). In 2007 she received her master’s degree and in 2016 she finished her doctorate studies. She won several first prizes and special awards at the Music Competitions in FBiH and the first prize at the International Competition Val Tidone in Italy. She is a member of the British Opera Circus Company with whom she performed in England, Bosnia and Herzegovina, Austria and Scotland. As a soloist, she performed with the Sarajevo Philharmonic Orchestra, Symphony Orchestra of Zenica, String Orchestra of the Music Academy in Sarajevo and Mostar Sinfonietta. She is the winner of the Karim Zaimović Foundation scholarship for contributing to culture of BiH. She has performed in Austria, Germany, Italy, France, Holland, Denmark, Great Britain, Switzerland, BiH and countries of the region. Currently she is an associate professor at the Music Academy in Sarajevo where she teaches cello, chamber music and leading the academy’s string orchestra.


La AlphaZTL
come indica il significato rinchiuso nel suo nome, vuole abbattere quelle barriere che non permettono l’integrità sociale. Lo scopo è quello di dare voce a minoranze, a volte oggetto di pregiudizi, facendo arrivare l’eco quanto più lontana possibile attraverso le attività che la Compagnia svolge e a cui si è ispirata sin dalla sua costituzione: Alpha = prefisso di origine greca che indica rispetto al termine cui viene apposto valore di negazione, mancanza e privazione (alfa privativo); Z.T.L. = zona a traffico limitata. Costituita il 15 ottobre 2015, la AlphaZTL si occupa di danza contemporanea, video arte/danza e editoria. Grazie alla volontà del coreografo e Presidente Vito Alfarano, la AlphaZTL realizza progetti coreografici che vedono la danza svilupparsi attraverso varie argomentazioni legate a tematiche sociali come la detenzione, la sordità, l’immigrazione e la Sindrome di Down attraverso il laboratorio di danza e arte terapia Oltre i confini, che ha la finalità di fornire ai partecipanti gli strumenti per una migliore conoscenza del sé, come singolo individuo e in relazione con gli altri. Le realtà ad oggi esplorate sono: la Casa Circondariale di Brindisi, Centro di accoglienza CARA di Restinco (BR), AIPD Brindisi (Ass. Italiana Persone Down), REMS (Residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza) di Carovigno (BR). La AlphaZTL Compagnia d’Arte Dinamica ha nel suo repertorio varie performance di danza contemporanea e produce video arte/danza distribuiti in vari festival in tutto il mondo con le coreografie e la regia di Vito Alfarano.


Auser Sisters
L’ Associazione Auser Insieme Nuova Vita, nata a Vico nel 2015, da sempre si impegna a favorire l’invecchiamento attivo degli anziani e a valorizzare il loro ruolo nella società. Essa è rivolta essenzialmente agli anziani, ma è aperta alle relazioni di dialogo tra generazioni, nazionalità e culture diverse. Tutto questo si realizza attraverso svariate attività: balli di gruppo, ginnastica dolce, informatica di base, letture, giochi di società, partecipazione a sagre e raccolta di fondi a scopo beneficenza… ed ora anche attraverso la partecipazione alllo spettacolo Bataclan.


Nicola Angelicchio
Nasce a Vico del Gargano nel 1954. Innamorato del suo paese e della sua lingua, è da sempre sostenitore dell’uso del dialetto come forma di comunicazione poetica, ha partecipato a svariati concorsi per le opere in dialetto e lingua locale, come il Concorso Regionale APA di Bari e il Concorso UNPLI “Salva la tua lingua locale”. Partecipa inoltre al raduno estivo di poesia dialettale “L’ora dei poeti… era ora!” ed è lui stesso ideatore del raduno dialettale garganico “Dialetto, che poesia”. Attivo sostenitore della rinascita del centro storico di Vico, nel 2018 prende parte al festival Voci x Vico con lo spettacolo –Na vocch- a ròis. Tra i libri pubblicati,ricordiamo “Spigolando”, raccolta di proverbi, ed “E’ riuscito”, raccolta di poesie contenente anche il CD con le poesie recitate dall’autore.


Nicola Bruschi
Ha conseguito il Diploma di Maturità d’Arte Applicata in Grafica pubblicitaria e fotografia e il Diploma in Scenografia presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna. Docente presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna in “Scenotecnica” e “Progettazione degli allestimenti espositivi”. Dal 1991 lavora attivamente come scenografo e designer, ha progettato e realizzato gli allestimenti di spettacoli teatrali per diversi teatri e compagnie; tra le sue principali realizzazioni si ricordano le collaborazioni con il regista Arnaldo Picchi e l’Università di Bologna, DAMS, per Il pappagallo verde di A. Schnitzler e Enzo Re di Roberto Roversi in Piazza S. Stefano a Bologna nel 1998. Nel 1994 cura l’allestimento generale delle Manifestazioni storiche per celebrare i 500 anni della morte di Giovanni Pico della Mirandola. Nel 1997 ha fondato la Compagnia teatrale Cantharide.


Luigi Caselli
Luigi Caselli è nato a Bologna, dove si è diplomato con il massimo dei voti nel 1981 presso il Conservatorio “Martini”.  Sin da giovane ha svolto un’intensa attività concertistica in Italia e all’estero come solista, in diverse formazioni cameristiche e con orchestra, esibendosi anche per la radio e la televisione italiana. E’ risultato vincitore di numerosi premi in diversi concorsi nazionali e internazionali come il “Cortot” di Milano, il “Canals” di Barcellona e il “Viotti” di Vercelli. Dal 1991 è membro del Baynov Piano Ensemble, originale formazione di pianisti con cui ha inciso svariati CD e DVD. Nel 2016 ha registrato un CD per pianoforte solo interamente dedicato ad Aleksandr Skrjabin. Attualmente è docente di ruolo presso il Conservatorio di Rovigo.


Maria Cilenti
Si avvicina al teatro per passione e curiosità entrando a far parte del gruppo Teatro K, col quale mette in scena diversi lavori tra cui Kolbe e Un pacchetto di Gauloises tratto da un testo di Oriana Fallaci. Partecipa poi allo spettacolo Fili, una rivisitazione sulla parabola del figliol prodigo e in seguito la storia di Galeazzo Caracciolo, tutti per la regia di Massimo Montagano. Nel 2017 partecipa allo spettacolo Meed all’interno del primo festival Voci per Vico ricoprendo il ruolo di una cliente della locanda. Nell’edizione 2018 prende parte a diversi spettacoli del festival tra cui Na vòcch a ròis, nel ruolo de La sorella dell’oste, insieme a un gruppo di poeti garganici.


Stefano Consolini
Diplomatosi al Corso di perfezionamento del Teatro Comunale di Bologna sotto la guida del Maestro Paride Venturi, da subito si delinea per lui una brillante carriera di tenore co-protagonista. Apprezzato per le sue doti musicali e sceniche, collabora coi maggiori direttori e registi presso le Fondazioni e i teatri di tradizione sia in Italia sia all’estero. Vasto è il suo repertorio, che spazia dal melodramma, all’operetta e alla musica contemporanea. Svolge altresì un’attività concertistica con un apprezzato repertorio di musica da salotto e canzoni italiane del ‘900.


Coro del Teatro Ventidio Basso
Il Coro Ventidio Basso si costituisce nell’anno 2001 e da allora è protagonista di tutte le opere liriche prodotte dal Comune di Ascoli Piceno. Oltre che nella sua città d’origine, il Coro si è esibito in Italia e all’estero: in Germania al Teatro Comunale di Trier, in Francia al Teatro dell’Opera di Massy, in Corea del Sud nei Teatri di Seul e Daegu ed al Festival di Musica e Danza del Teatro Reale di Bangkok. Ha inoltre inciso la colonna sonora della mini serie televisiva Marcinelle composta da Luis Bacalov. Dal 2015 il Coro è impegnato nelle produzioni coordinate dall’Arena Sferisterio di Macerata della Rete Lirica delle Marche, e nel 2017 ha debuttato al Rossini Opera Festival in ben tre produzioni. L’associazione a cui fa capo il Coro Ventidio Basso è inoltre promotrice di progetti musicali didattici rivolti alle scuole della Provincia di Ascoli Piceno e partecipa attivamente a iniziative a scopo benefico. Attualmente il Coro è diretto dal M° Giovanni Farina.


Virginia Corricelli
Inizia gli studi piccolissima presso l’Associazione Musicale Nuova Diapason, con i maestri Maria Candelma e Pietro Loconte. Sin da subito dimostra un approccio alla musica maturo e sensibile. Importanti per la sua formazione sono gli incontri con i maestri Massimiliano Genot, Fiorenzo Pascalucci, Antonello D’Onofrio, Edgar Ragnar Eriksen, Sarunas Jankauskas, Giovanni Battista Rigon. Ha all’attivo numerose esibizioni pubbliche come pianista solista, in formazioni di musica da camera e come pianista accompagnatore. Attualmente frequenta il II anno accademico di pianoforte presso il Conservatorio “U. Giordano” di Rodi Garcanico sotto la guida del maestro Giuseppe Spagnoli.


Michela Di Perna
Di origine vichese, sposatasi si trasferisce a Vieste nel 1997. Tra i suoi maggiori diletti: il canto e la passione per la recitazione, fin dalla tenera età. Conservatrice delle tradizioni locali, attualmente fa parte del gruppo teatrale Nicola e la compagnia della solidarietà. Ha recitato in diverse commedie teatrali in vernacolo e italiano mostrando versatilità nell’interpretazione dei vari personaggi. Per i suoi scritti si ispira alla natura nella sua straordinaria completezza e semplicità, inoltre i suoi versi sono riferiti a fatti realmente accaduti nelle forme sia drammatiche che comiche. Si diletta a versificare in italiano e in dialetto vichese. Ha partecipato a quattro edizioni de “L’ora dei Poeti” presso la L.N.I. di Vieste e alla 1° e 2° edizione di Dialetto, che poesia! a Vico del Gargano. Fa parte del gruppo Poeti del Gargano, in cui nell’omonimo libro sono presenti alcune sue poesie.


Duo Novembre
Il Duo Novembre si costituisce nel 2010 per volontà di due chitarristi innamorati del loro paese, Matteo Ciccomascolo e Michele Biscotti.
L’intento dei due amici musicisti è quello di riscoprire i canti che hanno risuonato nei secoli passati nelle stradine del centro storico e  di tramandare la tradizione del canto popolare vichese e garganico ai posteri. Insieme al coro femminile I Uagnuncedd (le ragazze) da diversi anni si esibiscono a sagre e feste di paese, non solo nel territorio del Gargano, con un repertorio di canzoni dialettali che attraversa tutto il Novecento fino ai giorni nostri.


Fabula Saltica
L’Associazione Balletto Città di Rovigo nasce nel 1986 grazie alla volontà di Claudio Ronda , Giuseppina Russo e Leila Troletti, danzatori dotati di una solida formazione tecnica e provenienti da diverse esperienze artistiche. Fin dalla sua costituzione, accanto all’attività di produzione e distribuzione di spettacoli di danza, l’Associazione dà vita ad una propria compagnia, formata da giovani danzatori denominata Estballetto, che nel novembre 1990 prende il nome di Fabula Saltica e affida la direzione artistica a Gheorghe Iancu (1990-1996). Dal 1996 l‘Associazione è residente presso il Teatro Sociale di Rovigo, è sostenuta dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dalla Regione Veneto tramite A.R.COdanza e dalla Provincia di Rovigo.


Giovanni Farina
Nato a Castellana Grotte (BA), diplomato in Pianoforte, Strumentazione per banda, Musica vocale da camera, Composizione e direzione d’orchestra presso il Conservatorio di Bari. Direttore d’Orchestra, di Coro, maestro continuista al clavicembalo e forte-piano, preparatore musicale, ha collaborato con vari teatri e festival nazionali ed esteri. È stato Maestro di sala presso la Fondazione del Teatro Petruzzelli di Bari dal 2003 al 2006 e Direttore musicale di palcoscenico presso il Teatro Comunale Ventidio Basso di Ascoli. Attualmente collabora in qualità di Direttore di Coro con le produzioni della Rete Lirica delle Marche. È titolare della cattedra di Lettura della Partitura presso il Conservatorio Statale di Musica di Bari e dall’ottobre 2012 è direttore stabile del Coro Ventidio Basso di Ascoli.


Francesca Fiorentino 
Nata nel 1990, ha studiato presso la “SFA” Accademia dello Spettacolo di Torino, specializzandosi nel genere musical, accanto ai maggiori musical performers italiani. Ha continuato gli studi di approfondimento presso la “Piccola accademia dello spettacolo di Stefano Juergens” a Roma. Tra il 2010 e il 2012 ha recitato in diversi musical (Sogno di una notte di mezza estate, Orestea, Pinocchio, Scrooge-Canto di Nnatale, prossima fermata). Ha vinto vari concorsi di canto tra cui il “Concorso internazionale voci d’oro” di Montecatini Terme. Nel 2014, ritornata a Vico del Gargano, suo paese di nascita, ha fondato la compagnia teatrale “Musical Team”riscuotendo grandi consensi. Assumendone il ruolo di direttrice artistica e regista ha portato in scena diversi musical (Grease, Sister act, Mago di Oz, Binario 7, Cenerentola, Mamma mia, Peter Pan, Aggiungi un posto a tavola, Un ciclone in convento). Dal 2016 è promotrice del progetto “Gargano… in teatro” che coinvolge durante il periodo invernale le compagnie limitrofe, portando in scena uno spettacolo teatrale al mese. Nell’edizione 2018 del festival Voci per Vico, prende parte allo spettacolo Na vòcch a ròis, nel ruolo della cameriera, insieme ad un gruppo di poeti garganici.


Marco Marconi
Nato nel 1958, ha studiato recitazione presso le scuole di teatro Galante Garrone ed Argante. Ha partecipato da non professionista a più di 100 repliche di vari spettacoli teatrali (Cyrano, Molto rumore per nulla, la Tempesta, Sogno di una notte di mezza estate, La dodicesima notte, I due gemelli veneziani). Professionista dal 2001, ha poi partecipato a oltre 600 repliche di moltissimi spettacoli (Il Cardinale Lambertini, Amleto, la Bisbetica domata, il Rompiballe, Testimone d’accusa, Cartoline da Pontecchio, l’Avaro).  Ha curato la regia di circa 30 spettacoli teatrali, di adulti e ragazzi. Dal 2001 tiene regolarmente corsi e seminari di recitazione e comunicazione non verbale presso diverse scuole di teatro ed enti di formazione fra i quali scuole di counseling ed il carcere La Dozza di Bologna. Ha partecipato ad una puntata dello sceneggiato televisivo L’ispettore Coliandro.


Matilde Masi

La tattoo artist Matilde Masi (thundermmonkey) nasce nel 1996 a Bologna, dove si diploma al Liceo Artistico, acquisendo abilità nelle tecniche grafico-pittoriche, in particolare nel disegno al tratto. Del tatuaggio l’affascina fin da giovanissima l’idea che possa esprimere una forma d’arte e inizia così ad approcciarsi alla tecnica frequentando un corso professionale per tatuatori che le rilascia l’abilitazione europea. Per il suo stile personalissimo si ispira a due tatuatrici contemporanee: Rebecca Vincent e Susanne König, entrambe specializzate nei blackwork. Tatuatrice resident presso lo studio Horror Vacui di Bologna, è sovente ospite di altri Tattoo Shop e convention in Italia e all’estero.


Rosanna Martella

Ha iniziato l’esperienza teatrale per puro caso, in un periodo un po’ incerto della sua vita. L’arte e in special modo la pittura, hanno comunque fatto sempre parte della sua vita. Si avvicina al teatro frequentando uno dei tanti corsi del gruppo Teatro K nel 2011 con il maestro Massimo Montagano. Ha partecipato a diversi lavori e le sono stati assegnati diversi ruoli nelle produzioni di questa compagnia, tra cui: Kolbe, in cui recitava il ruolo di una deportata e successivamente ha interpretato il personaggio di Colombina ne Le maschere. Sono seguiti altri lavori per la regia di Massimo Montagano e naturalmente la costante frequenza al Laboratorio del Gruppo Teatro K. Nel 2017 partecipa nel ruolo de La cameriera allo spettacolo Meed all’interno del primo festival Voci per Vico.


Barbara Massaroti

Si avvicina al teatro nel 2011 spinta dalla passione e dalla curiosità assistendo alle prove degli spettacoli del gruppo Teatro K . Decide di provare a farne parte e vi riesce, superando brillantemente l’audizione nel 2011. Partecipa a diversi lavori tra cui: Kolbe ricoprendo il ruolo di una deportata, ne Un pacchetto di Gauloises tratto da un testo di Oriana Fallaci, interpretando il ruolo di Un pensiero. Partecipa poi allo spettacolo Fili, una rivisitazione sulla parabola del figliol prodigo di Massimo Montagano, sostenendo il ruolo de La figlia maggiore. Prende parte anche agli spettacoli Le Maschere e Capitan Fracassa, sempre per la regia di Massimo Montagano. Nel 2017 partecipa allo spettacolo Meed all’interno del primo festival Voci per Vico ricoprendo il ruolo della protagonista.


Massimo Montagano

Diplomatosi all’Accademia di Belle Arti di Foggia, frequenta a Roma L’Internazionale Cinema Istitute. E’ promotore a Casacalenda, provincia di Campobasso, del recupero del settecentesco Teatro Comunale dove opera con la Compagnia Teatro K, da lui fondata. Nel 1989 fonda, con l’attore Pino Casolaro, il Centro di ricerca e produzione Officina teatrale, curando la regia di Assassinio nella Cattedrale di T.S. Eliot, e di molti altri spettacoli. E’ insegnante di Dizione e Regia nel laboratorio per l’attore dell’Officina Teatrale, giunto al ventiseiesimo anno. Partecipa, in qualità di consulente storico-religioso e attore, alla realizzazione del film Padre Pio da Pietralcina, prodotto da RAI 1 per la regia di Alberto Rondalli. Partecipa come attore ai film Del perduto amore con Giovanna Mezzogiorno e Sergio Rubini per la regia di Michele Placido e Tra cielo e terra sulla vita di Padre Pio, come attore e consulente storico-religioso, prodotto da RAI 1 per la regia di Giulio Base. Legge in mondovisione, nella trasmissione televisiva di RAI 1 in diretta da S. Giovanni Rotondo, il racconto delle stimmate di Padre Pio in occasione della sua canonizzazione. Dall’anno 2000 ha riproposto l’esperienza del Teatro K a Vico del Gargano.


Antonio Montecalvo
Intraprende lo studio del flauto traverso con il M° Mario Manicone.
 Nel 2008 si iscrive al Conservatorio “U. Giordano” di Rodi Garganico dove si diploma nel 2016 con il massimo dei voti.  Nel 2013 vince il Concorso Garganum nella categoria musica da camera.
  Nel 2017 ottiene due primi posti al Concorso Civitas di San Paolo Civitate con votazione di 99/100, un secondo premio al Concorso Giovani Musicisti di San Marco in Lamis e un primo premio al concorso Mirabello in musica di Mirabello Sannitico. Si è esibito come flautista al Carpino Folk Festival e nel Festival Musical “Diamo voce alla musica” di Rodi Garganico. Dal punto di vista strumentale, si perfeziona con il M°Sandro Carbone, Andres Diaz e Kathrine Ten Hagen, affrontando parallelamente un percorso di approccio alla direzione studiando con il M°Lorenzo Della Fonte, Mirco Barani, Fulvio Creux e Frank Ticheli.


Manuel Padula
Nato nel 1993, si diploma nel 2012 al Conservatorio di Rodi Garganico con il Maestro Gabriele Buschi,  con il massimo dei voti, frequentando in seguito svariate masterclass di perfezionamento. Nel 2014 ha completato il biennio specialistico concertistico in sassofono presso la stessa istituzione laureandosi con il massimo dei voti e la lode. Nel 2015 conosce il M° Daniele Faziani, che per lui compone un pezzo che gli farà vincere il Concorso Internazionale Garganum. Nel 2016 si esibisce come solista al Teatro Comunale di Bologna , città in cui nel 2017 completa anche il biennio specialistico in Musica da Camera, sotto la guida del Maestro Guido Felizzi, laureandosi con il massimo dei voti e la lode. Ha tenuto concerti in duo con pianoforte e collaborato con diverse formazioni orchestrali.  Ha inoltre studiato privatamente con i Maestri Massimo Mazzoni e Marco Gerboni, sassofonisti di fama internazionale. All’attività esecutiva affianca un profondo interesse per la direzione d’orchestra, l’insegnamento e la divulgazione musicale in tutto il territorio garganico. E’ spesso impegnato in masterclass all’estero.


Monica Paolini
Diplomatasi in chitarra classica sotto la guida di Armando Marrosu, segue i corsi di perfezionamento del Maestro spagnolo Alberto Ponce all’Ecole Normale de Musique “A.Cortot” di Parigi, dove consegue il “Diplome Supérieur d’Exécution” ed il prestigioso “Diplome Supérieur de Concertisme”. Approfondisce lo studio del repertorio rinascimentale e barocco con Javier Hinojosa e più tardi con Rolf Lislevand, su strumenti originali, alla Musikhochschule di Trossingen, in Germania. Come solista ed in qualità di membro del Quartetto di Chitarre Opera Nova ha suonato in svariate sedi europee, mentre attualmente collabora con la Cappella Musicale di San Giacomo e l’Ensemble Cinquecori. Premiata in diversi Concorsi (tra cui: I° premio al Concorso Internazionale “Ville de Carpentras”, Francia, I° premio al Certamen Internacional “Francisco Tarrega” di Benicàsim, in Spagna, 2° premio al Concorso Internazionale “Città di Alessandria”), è docente di chitarra presso il Conservatorio “F. Venezze” di Rovigo.


Raffele Ferrante e Simona Gentile
Ballerini e coreografi di tango professionisti, da 26 anni nel mondo della danza, hanno collaborato e ballato con numerose e importanti orchestre di tango (Tango sonos, Project tango, Mas tango company). Attualmente sono entrati a far parte di una compagnia di tango e inizieranno un tour in tutta Italia da novembre 2018. Continuano a studiare con i migliori maestri di tango in Italia, Ciccio Aiello e Sofia Galanaki, e a partecipare a seminari intensivi con due big del tango nel Mondo Mariano, Chico Frumboli e Juana Sepulveda. Il loro obbiettivo è far crescere la cultura del tango in tutta la provincia!


Rosa Ricciotti
Soprano di Sannicandro Garganico, dopo il diploma in Canto Lirico si trasferisce a Roma, dove inizia il suo percorso artistico dapprima nel Coro da Camera della RAI, vincendo poi il concorso nel Coro del Teatro dell’Opera di Roma e numerosi altri concorsi internazionali. Nel 1992 debutta come solista al Festival Barocco del Teatro dell’Opera di Roma, dando inizio a una carriera che la vede calcare i palcoscenici di molti grandi teatri, interpretando opere del grande repertorio ma anche titoli ricercati e diverse opere contemporanee. Alle produzioni operistiche si affianca un’intensa attività concertistica che spazia dal Lied alla Chanson alle più ricercate melodie dell’800 e del ‘900 italiano; è interprete anche di composizioni contemporanee scritte per la sua voce eseguite al pianoforte o con formazioni cameristiche. Ha inciso per Jupiter e Bongiovanni. Ha cantato per Papa Giovanni Paolo II e per il Presidente della Repubblica Ciampi. Si è esibita al fianco di star della lirica e con la star della pop-opera Andrea Bocelli. Ha partecipato a numerose trasmissioni Rai e Mediaset. Esperta in Vocologia Artistica, attualmente è docente di Canto Lirico presso il Conservatorio di Rodi Garganico.


Pietro Salcuni
Nato a Monte Sant’Angelo, attualmente risiede a Vieste dove per parecchi anni ha insegnato matematica e scienze.
Si diletta da sempre a scrivere in dialetto e in lingua italiana. Ha partecipato a vari concorsi letterari, riportando apprezzamenti e riconoscimenti gratificanti. Come autore di testi teatrali ha avuto modo di rappresentare spaccati di vita paesana sia a livello scolastico sia nell’ambito dell’Associzione Culturale gruppo Folkloristico Pizziche & Muzzeche di Vieste. Ha pubblicato la raccolta di poesie “Pazzeggiando – la pietra di Pietro”.


Nicola Stabile

Frequenta il laboratorio Teatro K diretto da Massimo Montagano dal 2002. E’ diplomato al Liceo Classico e Laureato in Medicina e Chirurgia. Come attore debutta nel dicembre 2003 con lo spettacolo In due con il fantasma; seguono poi gli spettacoli Una volta era così, Cristo 2000, Michelangelo Manicone, liberamente tratto dal libro Fisica Daunica, Electra di Hugo Von Hofmannsthal, Cosi è la vita, liberamente tratto dagli scritti di Oriana Fallaci, Il Vecchio ed il giovane (testo di Massimo Montagano), La Chiesa e la Terra, liberamente tratto da Ignazio Silone, Padre Kolbe, libero adattamento di Padre Massimo Montagano, Un pacchetto di Gauloises, liberamente tratto da Intervista alla storia di Oriana Fallaci, Le maschere testo teatrale di Massimo Montagano,  Fili, testo teatrale di Massimo Montagano, Galeazzo Caracciolo, riduzione del testo di Nicola Parisi a cura di Massimo Montagano. Nel 2017 partecipa allo spettacolo Meed all’interno del primo festival Voci per Vico ricoprendo il ruolo de Il marinaio.


Teatro per tutti
La compagnia Teatro per tutti nasce in seguito ad un laboratorio tenuto presso Accademia Harmonica, accademia di canto e arte scenica fondata nel 2001 da Francesco Esposito. Molti gli spettacoli messi in scena in svariate città tra cui spiccano: Diari con testi di Sibilla Aleramo, Hermann Hesse e Regina di Luanto; Pensieri… musica… e parole rappresentato nelle città di Bologna, Brescia, Palermo, Modena, Rovigo e Lisbona; Alcesti di Euripide, spettacolo itinerante rappresentato all’Abbazia di Pulsano. Nel 2014, al termine del laboratorio – nato con il sostegno del Comune di Bologna ed espressamente orientato ad affrontare temi femminili come la violenza, la disparità di genere e il femminicidio – si costituisce il gruppo Teatro per tutti, formato da sole donne, con l’intento di provare una ricerca sull’espressività vocale e corporea.


Teatro K
Nel 1999 Massimo Montagano, guardiano del Convento dei Cappuccini, avvia l’esperienza di un laboratorio teatrale con un gruppo di persone. Da allora, questo laboratorio ha visto passare decine, centinaia di persone provenienti da tutti i paesi del circondario, riuscendo a strappare dal sonno della quotidianità sentimenti e stati d’animo prima sconosciuti. “Una goccia d’acqua nel deserto culturale del paese”, così è stato più volte definito il Teatro K. Molte persone hanno avuto ed hanno la fortuna di vivere “il teatro”, che fra le arti è certamente la più completa e complessa. Non ci sono paratie, non esistono filtri, non si torna indietro, non si riavvolge il nastro o la pellicola. E ogni volta è una emozione nuova, questo è il Teatro K: il luogo per tutti, non chiede nulla, ha sempre e soltanto dato. Una goccia d’acqua per dar vita ai sogni, perchè non c’è vita senza sogni e non ci sono sogni senza il teatro.


Tijana Vignjevic
Tijana Vignjević was born in Sarajevo, Bosnia and Herzegovina, where she grew up and now lives and works. She finished her conducting studies at the Music Academy in Sarajevo in 2002 with professor emeritus Teodor Romanić, and did her postgraduate studies in orchestral conducting at the Universität für Musik und darstellende Kunst Wien in 2014 with professor emeritus Uroš Lajovic. She attended masterclasses of Gianluigi Gelmetti, Tamara Brooks, Ernst Schelle, Colin Metters etc. She is a conductor of female vocal ensemble Corona since 1997, since 2007 she conducts mixed choir Seljo and since her graduation in 2002 she works as orchestra teacher at Secondary music school Sarajevo. She has worked on several projects with String orchestra of Music academy in Sarajevo. She has worked on numerous theater and concept art projects as composer, music assistant, accompanist, vocal coach or artist. The art project she did with Bosnian artist Maja Bajević, ARTS, CRAFTS and FACTS was presented on 56. La Biennale di Venezia in 2015.


Andrea VivarellI
Per quanto riguarda gli studi letterari la sua formazione si inserisce nella linea storico-filologica che va da Giorgio Falco a Fiorenzo Forti, mentre per quanto riguarda gli studi musicali, particolarmente importanti sono stati i corsi di composizione e di analisi musicale dei Maestri Cesare Augusto Grandi, Adriano Guarnieri, Ivan Vandor. In collaborazione con musicisti, registi e artisti ha scritto opere da camera, azioni vocali e teatrali, favole per musica, azioni per voce e strumento. Per citarne qualcuna, Caos dolce caos (opera gioco in un atto), Il chiodo (per voce recitante e disklavier), Danza marionettesca e discorso sull’ammazzare bambini (prologo a Der Jasager di Brecht-Weill),  Il parapsicologo perplesso (opera da camera, musica di Maurizio Deoriti),  Fuga dalla cucina (azione teatrale con musica per i piccoli) andata in scena a Rovigo nel 2015.  Dal 1990 è responsabile dei corsi di Letteratura Poetica e Drammatica e, da quando sono stati istituiti, dei corsi di Storia del Teatro per il biennio e il triennio e di Drammaturgia per il biennio al Conservatorio di Rovigo.


Gaia Zarlotto
Nata nel 1968, il suo primo contatto col mondo dei burattini avviene da bambina, quando frequenta le scuole primarie di Reggio-Emilia, dove negli Anni ’70 – caso unico in Italia – si sperimenta l’uso del teatro di figura con scopi pedagogici e didattici. Quei primi anni segnarono il destino di Gaia Zarlotto, che si diplomò all’Istituto d’Arte e poi alla London School Of Puppetry, alla quale seguirono svariate masterclass di perfezionamento all’estero. Dal 1990 gira l’Europa come artista di strada con i suoi burattini interamente fatti a mano da lei. Il progetto Opera dei Burattini nasce nel 2017 su incarico della Direzione Artistica del festival Voci per Vico, per avvicinare i bambini all’opera lirica: i burattini interpretano i personaggi seguendo un testo riscritto apposta per loro perchè la trama sia comprensibile e ad essi si affiancano in scena i cantanti, eseguendo dal vivo le arie più celebri.